Il fu Nasone da Isola Farnese

Borgo di Isola Farnese 07/06/2015

Non ero giovane, ma forte si. Ho svolto con onore il mio lavoro e servito per più di cinquant'anni generazioni di bambini ed adulti, che qui si son fermati. Ho lottato per anni contro il gelo, la pioggia e il sole. Purtroppo una notte di inizio maggio sono stato abbattuto da alcuni dementi che nel proprio DNA di civico non hanno niente. Mi chiamo Nasone e da più di un mese giaccio a terra senza che le istituzioni si prendano cura di me. In questo periodo è passata tanta gente, anche il santo durante la processione in occasione della festa patronale, ma nessuno si è accorto di me e del mio grido silenzioso di aiuto. L'unico dispiaciuto è il viandante poverino che percorre la Via Francigena. Infatti dopo aver percorso chilometri di strada dissestata arriva finalmente al Borgo di Isola Farnese e speranzoso di avere un po' di acqua fresca lo accolgo purtroppo così. Sono il Nasone di Isola Farnese..... Anzi il fu!