"Giorni Verdi 2016" escursione del 25 settebre 2016: le foto

Veio 25.09.2016

Condividiamo lo splendito post e le foto dell'amico Stefano Cardarelli pubblicato a seguito dell'escursione svolta il 25 settembre 2016, in occasione di una delle iniziative del ricco calendario "Giorni Verdi 2016 del Parco di Veio: "In cammino verso Roma: gli antichi Borghi di Cesano e Isola Farnese sulla via Francigena", escursione dal Borgo di Cesano a quello di Isola Farnese, percorrendo tratti "veienti" della via Francigena Nord ei territori di Roma e di Formello.  La forte suggestione del paesaggio - da Monterosi attraverso la Valle di Baccano, il balcone di Cesano, Veio e fino al centro della Capitale - invita a un "passeggiare curioso" tra trame fitte di segni di memoria. Dallo studio del triangolo fra Cassia e Braccianese, con ricostruzione della rete viaria nell'Agro Veientano, emergono dati sorprendneti su questo borgo medievale, avente funzione di tappa di imperatori, abati e facoltosi mercanti.
Le informazioni raccolte ancora spiegano, per esempio, le variazioni di itinerario evidenti nella cartografia antica (come quella del 1555 e del 1661), con Cesano compresa in um primo tempo sulla via, e un secolo più tardi, invece, fuori da essa. Nel corso dei secoli il territorio viene vissuto e descritto dai viaggiatori con esperienze anche di soggiorno nelle osterie da La Storta a Settevene.
Confrontando il profilo del Borgo quale descritto nel Catasto Alessandrino del 1661 con quello giunto fino a noi, si rimane stupiti a tutt'oggi della conservazione di immagini stampate che hanno lasciato i grandi viaggiatori (taccuini, schizzi, diari), bene irinunciabile.
Sono emerse scoperte emozionanti a conferma della lezione di Pico Cellini: "le pietre raccontano la loro storia, lasciamole parlare", tra le altre cose, spiccano le fortificazioni del XII sec. con la porta principale del Borgo. Ciò ha permesso di riconoscere in Cesano l "misteriosa" tappa di Sutri littli citata da Nukulas di Muntkathvera durante il suo viaggio a piedi dall'Islanda a Roma nel 1154.

Foto di Stefano Cardarelli